Classificazione sistematica del cane Limiere





    La Fédération Cynologique Internationale (FCI) e l'Ente Nazionale della Cinofilia Italiana (ENCI) non hanno elencato il Limiere in alcuno dei dieci gruppi delle razze canine da caccia classificate.

    E' pur vero che nel gruppo 6 sono stati classificati i Cani per Pista di Sangue (FCI : Chiens de recherche au sang), ma le razze ivi elencate non sono le uniche ad essere utilizzate come limieri sulla traccia.
    La spiegazione di quella che apparentemente potrebbe risultare una lacuna nella classificazione delle razze canine risiede nel fatto che quella del Limiere è una categoria generale e sovraordinata rispetto ai gruppi di cui alla predetta classificazione sistematica; esattamente come il genere dei Cani da Tana, che come noto sono rappresentati dai Terrier (che appartengono al gruppo 3) e dai Bassotti (gruppo 4).
    In teoria, qualunque cane di una razza canina da caccia potrebbe venire qualificato Limiere qualora svolgesse puntualmente la relativa azione cinegetica tipica.
    Prova ne sia che gli standard di molteplici razze canine da caccia appartenenti a diversi gruppi e sezioni della predetta classificazione prevedono e disciplinano espressamente il lavoro del Limiere sulla traccia; fra i tanti è possibile citare il Deutscher Yagdterrier (gruppo 3-Terrier), il Bassotto Tedesco (gruppo 4-Bassotti), il Segugio Italiano (gruppo 6, sezione I-Segugi), l'Hannoverischer Schweisshund (gruppo 5, sezione II-Cani da pista di sangue). Inoltre, vi sono anche molte razze da ferma che vengono normalmente utilizzate per il lavoro su traccia, quali ad esempio D. Kurzhaar, D. Drathaar, D. Langhaar, Weimaraner, Musterlander, Magyar Viszla.
    Conseguentemente, (a) lo stato attuale della selezione cinofila orientata al lavoro è ostativo alla classificazione unitaria del Limiere e (b) nessuna delle razze tra le tante impiegate attualmente per l'attività sulla traccia può essere qualificata in via esclusiva Limiere, in danno delle rimanenti.
    Non è quindi corretto da un punto di vista sistematico classificare artificiosamente Limiere un determinato gruppo o sezione o razza tra quelle elencate nella classificazione della FCI, salvo degradare la sovracategoria dei Limieri; in tale ipotesi sarebbero escluse dal novero dei Limieri tutte le razze non appartenenti alla relativa categoria, seppur storicamente selezionate anche per lo specifico lavoro su traccia.
    In altre parole, sarebbe come degradare la sovracategoria dei Cani da Tana classificando come tali solo i Terrier in danno dei Bassotti o viceversa, con la conseguenza che la razza esclusa non potrebbe più essere legittimamente qualificata Cane da Tana.
    Non sarebbe quindi corretto definire Limieri esclusivamente le razze canine appartenenti al gruppo 6 sezione II - Hannoverischer Schweisshund, Bayerischer Gebirgsschweisshund e Alpenlaendische Dachsbracke - in quanto la categoria generale dei Limieri verrebbe degradata da generale a particolare, con pregiudizio di tutte le altre razze che storicamente sono state e continuano ad esser impiegate proficuamente sulla traccia (e tantomeno sarebbe corretto definirli Cani da Traccia, come alcuni si ostinano invece a fare; costoro sbagliano sia sotto l'aspetto etimologico che sistematico in quanto, come ho già avuto modo di scrivere in "Etimologia ed origini del Limiere", primo loco non risulta corretto utilizzare la generica circonlocuzione cane da traccia per definire il cane la cui azione cinegetica sia caratterizzata dal lavoro sulla traccia calda o fredda perchè il vocabolo appropriato è limiere e di norma si ricorre ad una circonlocuzione quando non si possa, non si sappia, oppure non si voglia o non si osi adoperare l'espressione propria; deinde, tutti i limieri sono cani da traccia, nel senso che lavorano sulla traccia, ma non tutti i cani da traccia son limieri in senso tecnico).
    Inoltre, sarebbe riduttivo sotto l'aspetto cinegetico, in quanto l'azione tipica dei Cani per Pista di Sangue rappresenta una species rispetto a quella generale del Limiere (basti considerare che lo standard dei Cani per Pista di Sangue prevede il lavoro solo su traccia fredda - a differenza dell'azione cinegetica del Limiere e dei Cani da Leva - ed a differenza di quest'ultimi non prevede l'inseguimento ed il rientro).
    In conclusione, i cani appartenenti al gruppo 6 sezione II della classificazione della FIC quando svolgono l'azione cinegetica tipica della razza di appartenenza, sono e rimangono stimati Limieri per Pista di Sangue, ma non sono i Limieri per antonomasia (né tampoco Cani da Traccia per definizione).

    Articolo tratto da:
    "Festina Lente"
    di Luciano Giulidori.
    Opera vincolata ai termini della licenza Pubblica Creative Commons CC BY 2.5 : "è possibile riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera, alla condizione di indicare sempre l'autore Avv.to Luciano Giulidori ". 


      Luciano Giulidori

      Ultimi articoli...

      • Prima giornata Coppa del Mediterraneo

        LA SETTIMANA DELLA CINOFILIA INTERNAZIONALE A COLLACCHIONI 8^ Coppa del Mediterraneo 36^ Campionato del Mondo per cani da ferma

        F.i.d.a.s.c.
      • Comunicato Stampa n.156 del 23/10/2014

        Finale Coppa del Mondo Trap – Skeet – Double Trap 22 – 27 ottobre 2014 Gabala (AZE) Finale Coppa del Mondo Primo girono di Trap Maschile, Pellielo perfetto Bene anche Resca con un solo errore. Fabbrizi insegue con 72

        Federazione italiana tiro a volo
      • Arci Caccia informa: uccelli migratori, il contributo dei cacciatori per la loro conservazione

        Anche in Umbria è tempo di passo, ecco le regole per la caccia da appostamento. “Gli uccelli migratori rappresentano una componente importante della biodiversità globale. La particolare collocazione del nostro Paese favorisce i grandi spostamenti degli uccelli che  dopo un lungo volo ritrovano nei nostri territori, grazie al lavoro gestionale degli Atc e all’impegno dei cacciatori, le condizioni ottimali di svernamento prima della fase “nuziale”. Un giusto ed equilibrato prelievo non intacca il patrimonio faunistico ed in questa direzione si colloca la legislazione italiana che rispetta le indicazioni della ricerca scientifica e dell’unione europea. I cacciatori sono consapevoli di questo ed è anche grazie al loro contributo che è possibile aggiornare i dati a disposizione dell’Ispra attraverso progetti mirati o partecipando a monitoraggi, come quello sui tordi o sulle beccacce, organizzati dalle associazioni venatorie e specializzate.

        Arci Caccia
      • Comunicato Stampa n. 155 del 21/10/2014

        Finale Coppa del Mondo Trap – Skeet – Double Trap 22 – 27 ottobre 2014 Gabala (AZE) Finale Coppa del Mondo In Azerbaijan si assegna la Coppa di Cristallo Nove gli azzurri qualificati per l’atto finale della stagione agonistica 2014

        Federazione italiana tiro a volo
      • Comunicato Stampa n.154 del 19/10/2014

        Campionato Italiano della Struttura Federale Chiusura in bellezza con la festa della Famiglia del Tiro Riunione Consultiva Biennale. Rossi: confronto positivo e costruttivo

        Federazione italiana tiro a volo
      • 10 anni di caccia e pesca su Sky

        CACCIA E PESCA COMPIONO 10 ANNI E INSIEME A SKY PRESENTANO IL “GRANDE CONCORSO 10 ANNI INSIEME” 31 premi mensili e super premio finale: una giornata con i talent di Caccia e Pesca

        La Redazione
      • Comunicato stampa n. 153 del 16/10/2014

        Sabato 18 e domenica 19 ottobre Riunione Consultiva e Struttura Federale La Fitav festeggia il suo mondo e chiude l’attività agonistica nazionale

        Federazione italiana tiro a volo

      AZIENDE E PROFESSIONISTI

      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI
      AZIENDE E PROFESSIONISTIAZIENDE E PROFESSIONISTI

      EDITORIA VENATORIA

      Galleria fotograficaGalleria VideoNodakoutdoorsChasse PassionHunting LegendsHunting NetBuxton RanchTumugaDeer & Deer HuntingRiver & Green
      • Acr Onlus
      • Anlc
      • ANUU
      • Arcicaccia
      • Confavi
      • Coldiretti
      • Enci
      • Fidasc
      • Fare Ambiente
      • Fisat
      • Fitav
      • Federazione siciliana caccia
      • Federcaccia
      • Italcaccia
      • Cic Stampa
      • Movimento per la Cultura Rurale
      • Partito Politico Caccia Ambiente
      • Legambiente
      • C.N.C.N.
      • CPA
      • Associazione Siciliana Caccia e Natura
      • Anpam
      • ATC MS 13
      • Sis Liguria
      • Società Italiana Pro segugio
      • Società Amatori Bracco Italiano
      • Società Italiana Setters
      • Club Italiano Epagneul Breton
      • Club Italiano Spinoni
      • Kurzhaar Club Italiano
      • Pointer Club Italiano
      • Club Italiano Drahthaar
      • Club Italiano del Beagle
      • Springer Spaniel Club d
      • Club Italiano Spaniel
      • Società Amatori Cani da Traccia
      © La Caccia.net di Paolo Ferretti - Tutti i diritti riservati - P.IVA 01878130994

      Email: redazione@lacaccia.net - Cell. +39 329.9236555

      ISCRIZIONE TESTATA A REGISTRO STAMPA al n. 10/2012 CON DECRETO DEL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI GENOVA DEL 27.06.2012

      QUOTIDIANO ON LINE denominato: WWW.LACACCIA.NET


      Direttore Responsabile: Andrea Carotenuto e.mail carotenuto@lacaccia.net